Mirtillo Rosso Americano

Frutto dalle grandi proprietà antinfiammatorie
Un ottimo rimedio per la cistite
A cura del dott. Gianluca D’alessandro

Si tratta di un piccolo arbusto di origine nordamericana che produce un frutto rosso dal sapore acido, già utilizzato dagli indiani per curare ferite, infezioni urinarie e lo scorbuto. L’efficacia antibatterica di questo rimedio erboristico deriva dalla capacità di rendere antiadesiva la superficie delle mucose, impedendo quindi l’adesione cellulare dei batteri patogeni responsabili della cistite e di altri disturbi.

Il cranberry (o mirtillo rosso) è una pianta assunta come integratore alimentare per via orale sotto forma di succo o capsule. Alcune ricerche condotte sulla specie umana dimostrano che l’uso del succo di cranberry e dei relativi integratori sarebbe utile per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie Il cranberry è stato oggetto di ricerca per molti altri usi medici, tra le aree più promettenti c’è la prevenzione dell’infezione da H. pylori, batterio responsabile delle ulcere gastrointestinali e della placca dentale. Secondo alcune stime almeno il 30% delle donne ha sofferto almeno una volta nel corso della vita di infezioni urinarie (principalmente cistiti) ed il 20% di queste ha avuto almeno una recidiva: una delle principali cause di recidive, specie nella popolazione più giovane, è sicuramente l’attività sessuale.
Il cranberry migliora la qualità della vita negli uomini affetti da sintomi delle basse vie urinarie che hanno il PSA alto o soffrono di iperplasia prostatica benigna.

Il succo o le compresse di cranberry potrebbero essere utili per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie nelle donne, anche gestanti. Alcuni organismi scientifici internazionali, dopo studi clinici su pazienti affetti da cistite, hanno sancito le proprietà antinfiammatorie, antiflogistiche delle bacche di mirtillo rosso, che grazie all’acido citrico e malico, ai polifenoli, antocianine e antiossidanti contenuti, creano una protezione che impedisce a batteri come l’Escherichia Coli di annidarsi sulle pareti della vescica. Il cranberry è considerato sicuro per prevenzione della cistite, però va segnalata la possibile interazione con il warfarin (Coumadin®), un anticoagulante abbastanza diffuso nella popolazione di età avanzata.
Il mirtillo rosso si può assumere sia in succo che in capsule, il primo è ottimo in fase preventiva, l'estratto secco invece è consigliato in caso la cistite si sia già manifestata. Le dosi di Cranberry da assumere, considerate del tutto sicure dagli ultimi studi, sono di 500 mg o 1000 mg al giorno,  A seconda del prodotto che si acquista corrispondono a 2-3 compresse (da assumere lontano dai pasti). Dato però che esistono diverse marche in commercio, è sempre meglio rivolgersi ad un professionista per farsi consigliare il prodotto migliore per le proprie esigenze.

Quantità ridotte di mirtilli rossi possono ridurre il livello di calcio nell’urina, evitando situazioni di aggravamento, per chi soffre di calcoli renali. La sua utilità è dimostrata anche come coadiuvante in caso di diarrea, nelle stitichezze, e nei problemi legati al colon irritabile e alle emorroidi. Infine, i mirtilli rossi hanno anche la capacità di attenuare i piccoli inestetismi della pelle quale la couperose. Per quanto riguarda invece il loro utilizzo dal punto di vista alimentare, i mirtilli rossi vengono utilizzati per la preparazione di ottime marmellate, conserve e gelatine, o per essere gustate con l'aggiunta di un po' di succo di limone e zucchero, magari “accompagnate” da more e lamponi, a costituire la classica coppa di frutti di bosco, servita e consumate specialmente nelle località alpine. Anche la grappa che si ottiene dalla macerazione di questi frutti (con un alto grado alcolico), ha un sapore intenso e delicato

Mirtilli rossi per combattere la couperose
I mirtilli rossi, come accennato, hanno proprietà rinfrescanti, astringenti, toniche, e diuretiche e contengono numerosi principi attivi, fra cui le vitamine A e C, l'acido citrico e quello malico, la mirtillina, fosforo, calcio, manganese. L’azione di queste vitamine è apprezzabile soprattutto per quanto riguarda i problemi legati ai capillari (ne rinforza infatti le pareti). Ecco perché in caso di couperose vengono prescritte dagli specialisti, creme a base di mirtilli o rimedi quali quello di creare in casa una maschera per il viso contro questo in estetismo: in un quarto di litro di acqua, bollire un cucchiaio di bacche per 10 minuti. Schiacciarle, aggiungere 2 cucchiai di avena polverizzata e mescolare. Stendere sul viso tenendo per 15minuti. Infine sciacquare con acqua tiepida.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf