Bambini ribelli? E’ colpa del Dop

Bambini ribelli? E’ colpa del Dop

Disturbo oppositivo-provocatorio. Tra i campanelli d’allarme il rancore e la collera. Riguarda dal 2% al 16% di bambini e adolescenti
di Anna Maria Antonucci
Psicocologa dell'apprendimento

I bambini in età prescolare o adolescenti, talvolta, mostrano scarsa attenzione alle regole disobbedendo più o meno spesso ai genitori o agli insegnanti. Questo comportamento, quando è limitato nel tempo e nell’intensità e non crea disadattamento, solitamente non produce effetti negativi importanti né richiede alcun tipo di intervento clinico.
Diversamente, quando tali comportamenti mostrano una frequenza, una durata e una intensità più rilevante, creando disadattamento dei soggetti interessati, si fa riferimento a quadri clinici del disturbo oppositivo-provocatorio o della condotta che richiederanno invece un inquadramento diagnostico e un percorso rieducativo al fine di ridurre le gravi conseguenze disadattive dei bambini\ragazzi coinvolti.
Si parla di Disturbo Oppositivo-Provocatorio (DOP) quando un bambino o un adolescente mette in atto, nei confronti degli adulti, una serie di atteggiamenti e comportamenti negativi che comprendono oppositività e provocatorietà. Il bambino si rifiuta di rispettare le richieste e/o le regole, sfida e fa irritare deliberatamente genitori o insegnanti, accusando gli altri per i propri errori e giustificando così il proprio cattivo comportamento. Il bambino spesso è litigioso e collerico, rancoroso e vendicativo verso gli altri. La rabbia è persistente ed inappropriata al contesto e si accompagna spesso ad irritabilità.
Tali comportamenti si presentano con una frequenza ed una intensità superiore a quella normalmente osservabile nei coetanei e compromettono la vita sociale, familiare e scolastica. I genitori spesso , esasperati dalle difficoltà di gestione del bambino, mettono in atto una serie di misure limitando uscite e contatti con l’esterno che possano acuire le problematiche. A scuola gli insegnanti lamentano anche cadute negli apprendimenti come conseguenza del cattivo adattamento scolastico. Stime recenti indicano che il DOP interessa una percentuale compresa tra il 2 e il 16% della popolazione dei bambini e degli adolescenti. In epoca prepuberale il disturbo è più diffuso tra i maschi, mentre dopo la pubertà, è ugualmente distribuito tra i sessi.
Il disturbo si manifesta dapprima in ambito familiare e poi anche in altri ambiti, quali per esempio quello scolastico e, se non adeguatamente trattato, può evolvere in un più severo disturbo della condotta.
L’intervento cognitivo-comportamentale per i bambini e gli adolescenti con problemi di condotta e di aggressività è il trattamento più indicato insieme al parent training e teacher training. Può essere utile infatti concentrare l’attenzione sul bambino da un lato con un percorso di regolazione del comportamento, ma allo stesso tempo lavorare sulle conoscenze dei genitori e degli insegnanti. Per esempio, a volte i genitori e gli insegnanti di bambini con problemi comportamentali tendono a credere che la causa (e di conseguenza la soluzione) delle difficoltà del bambino riguardi esclusivamente il bambino e sottovalutino il ruolo fondamentale dell’interazione con gli adulti all’interno e all’esterno della famiglia e delle risposte che l’ambiente fornisce abitualmente al bambino ribelle. I genitori tendono a pensare a volte che il loro bambino sia l’unico responsabile del suo comportamento, che intenzionalmente si comporti male manifestando rabbia o ripicche/dispetti e che i problemi del bambino siano non modificabili o incontrollabili. In altri casi, alcuni genitori ritengono che i problemi del bambino siano totalmente causati da loro, perché non sono bravi genitori ed educatori.
Le attribuzioni genitoriali negative e pessimistiche sono da tenere in debito conto, dal momento che, non solo generano stati emotivi negativi nei genitori (per esempio rabbia e frustrazione), ma li inducono anche ad assumere delle pratiche disciplinari fallimentari o peggiorative.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf