Serotonina? Aiuta l’intimità

L’ormone dell’amore romantico: la serotonina, un neurotrasmettitore prodotto nel cervello a partire dall’amminoacido triptofano.

Secondo uno studio condotto dall’Università di Oxford e pubblicato sulla rivista Biological Psychiatry, questa sostanza potrebbe influenzare il modo in cui viene percepita, e quindi anche vissuta, una love story. Questo è quanto viene riportato su Galileo.net. I ricercatori hanno sottoposto due gruppi di volontari a una dieta a basso contenuto proteico per un giorno (meno di 20 grammi di proteine).

Successivamente, al primo gruppo è stato servito un drink a base di triptofano, essenziale nella sintesi della serotonina. Al secondo gruppo, invece, è stata data una bevanda priva dell’amminoacido in questione. Poi, a cinque ore di distanza dal drink, a tutti sono state mostrate delle fotografie di coppie: le persone che avevano bevuto il cocktail al triptofano, la cui attività serotoninica era dunque aumentata, hanno considerato le relazioni mostrate nelle immagini come più “intime” e “romantiche” rispetto al gruppo di controllo, i cui livelli di serotonina erano rimasti invariati.  “La serotonina è fondamentale per i comportamenti sociali”, ha spiegato Robert Rogers, professore di Neuroscienze Cognitive ad Oxford. Inoltre, svolge un ruolo significativo in disordini psicologici come la depressione. “Il nostro obiettivo – ha aggiunto  – era quello di osservare se l’attività serotoninica fosse o meno in grado di influenzare i nostri giudizi sulle relazioni personali degli altri. Dai risultati è emerso che sì, variazioni nell’attività di questo neurotrasmettitore possono influire su come ci appare l’intimità”.

Secondo i ricercatori, lo studio dimostra come le relazioni siano influenzate da processi che vanno oltre la consapevolezza e il controllo. La serotonina, in particolare, è spesso soprannominata “ormone del buonumore”. Diversi studi, infatti, hanno mostrato che gli episodi di depressione sono spesso associati a una funzione diminuita della serotonina. “Quando si è depressi – ha precisato Rogers – diminuisce la capacità di stabilire rapporti con gli altri. Si tratta di un sintomo vessante, comune anche ad altri disordini psichiatrici”. L’ipotesi di Rogers è che a causare il peggioramento delle relazioni personali che di solito si accompagna alla depressione possa essere, almeno in parte, un abbassamento dell’attività serotoninica. “Lo studio è ancora marginale, ma lo stesso pattern che abbiamo osservato per la valutazione delle immagini potrebbe benissimo essere esteso al modo in cui percepiamo i nostri stessi rapporti”.    

Irma Mecca

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf