Rischiara la vita

Una telefonata per difendere la vita, attivo il numero verde 800.72.20.98

Un bambino è un amore diventato visibile. Questo affermava il poeta tedesco Novalis, ma purtroppo non per tutte le donne il periodo della gravidanza è così bello e felice. Quei nove mesi che in molte aspettano con ansia per realizzare il sogno di maternità, per alcune si trasforma in una grave preoccupazione, un ‘incidente di percorso’ cui rimediare praticando l’aborto. Per aiutare e sostenere queste donne è nato il gruppo parrocchiale ‘Rischiara la vita’, con sede presso la Parrocchia di San Giovanni Battista a Foggia, fondata dal parroco Don Gaetano Marcheggiano e costituita da un’equipe di dieci operatori, soprattutto donne.

La missione dell’associazione è difendere la vita nascente, perché solo restando accanto - fisicamente e moralmente - alle donne in difficoltà sarà possibile salvare i loro ‘futuri’ bambini. Per portare a termine il loro incarico, l’equipe di ‘Rischiara la vita’ ha istituito il numero verde gratuito 800.72.20.98 al quale le donne con qualsiasi tipo di problema possono rivolgersi e trovare conforto o un aiuto concreto. “La solitudine è il dramma che vivono le donne dopo l’incidente di percorso – afferma Don Gaetano – e la creatura che dovrebbero dare alla luce si trova a combattere tre nemici: l’immaturità dei futuri genitori, la povertà dei mezzi di sussistenza e l’influenza negativa delle persone vicine”.

E continua: “Tali donne, di fronte a questi problemi, preferiscono l’aborto. Ecco perché, con la nostra comunità parrocchiale, ci siamo sentiti chiamati in causa da un problema che sembra passare inosservato nella nostra città, soprattutto perché ‘mascherato’ dalla famosa legge che da’ il diritto alla madre di scegliere se portare avanti la gravidanza oppure no”. Il numero verde nasce quindi sia per le donne che hanno appena scoperto di essere incinta e non sanno come affrontare questa situazione non desiderata. Ma anche per quelle che hanno già praticato l’aborto e devono curare la ferita psicologica e spirituale che tale gesto può aver provocato. “Molto spesso la donna non si rende conto di ciò che fa – dichiara Don Gaetano - E quando prende coscienza di quanto avvenuto nel grembo materno, la ferita è troppo grande da sostenere. Il servizio telefonico è un’occasione per queste donne, nostre sorelle: per poter iniziare i passi della riconciliazione con se stesse e con il Creatore”.

La linea telefonica gratuita è attiva dal lunedì al sabato dalle 16.30 alle 20.00 e il venerdì dalle 16.30 alle 18.00. Per ulteriori informazioni: rischiaralavita@libero.it. Inoltre è stata aperta anche una pagina Facebook: rischiara la vita.                        

Simona Donatelli

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf