Parlate: il neonato vi ascolta

Parlate: il neonato vi ascolta

Leggere favole e parlare ai neonati fin dai primi giorni di vita ha effetti assolutamente positivi: così il piccolo crescerà più intelligente. Ne sono sicuri i ricercatori della Stanford University, che hanno seguito per mesi un gruppo di bambini. Se mamma e papà si danno da fare e prendono quest’abitudine il figlio conquisterà facilità di linguaggio e capacità cognitive più ampie. Uno sviluppo che, secondo i ricercatori e quanto riportato sul sito di Repubblica, influisce sui risultati scolastici e può dare un vantaggio nei prossimi sei-sette anni di crescita.

Parlare ai neonati - spiega Anne Fernald, docente di psicologia alla Stanford University - li aiuta a capire più in fretta le regole e i ritmi del linguaggio. Questo da’ loro una base per intuire in fretta come funziona il mondo. Ripetere più volte una cosa, li aiuta invece a ricordare le parole e a capire i collegamenti fra parole. Questo da’ loro un vantaggio enorme quando vanno a scuola”. Una risposta dunque ai tanti dubbi di quei genitori che non capiscono quanto sia utile dialogare a un neonato. Già studi precedenti hanno messo in evidenza quanto l’archiviazione delle parole incominci fin dai primi mesi di vita. Nella sperimentazione Fernald ha utilizzato il computer con immagini semplici come quelle di un cane e di un ragazzino. Quando i genitori parlavano di più, i piccoli imparavano più in fretta le parole.

Tanto che, negli anni successivi, chi era stato seguito di più risultava più preparato. Dopo i 5 anni fra loro c’era chi aveva un vantaggio di 24 mesi rispetto ai coetanei per quanto riguarda le capacità collegate al linguaggio e alla memoria. Fernald ha constatato che i risultati erano ancora più positivi se i dialoghi coinvolgevano tematiche che suscitano l’interesse dei bambini. Mentre l’esperta ricorda che la televisione o i giochini dell’iPad non possono considerarsi un buon sostituto di una buona conversazione con il bambino e possono addirittura danneggiare lo sviluppo del linguaggio.
Fra l’altro i genitori che parlano ai loro bambini, possono realizzare più facilmente le loro potenzialità di crescita - conclude Fernald - Siamo obbligati a dare loro da mangiare, a lavarli e vestirli. Basta parlare con loro mentre si fanno queste cose. Non è necessario abbandonare il nostro lavoro e tenerli a casa per parlare loro in continuazione”.

Irma Mecca

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf