Pratiche  tirocinio

Pratiche tirocinio

Una convenzione finalizzata ad agevolare l’accesso degli studenti al tirocinio obbligatorio ai fini dell’iscrizione all’Albo degli Avvocati (la cosiddetta “pratica” che consente l’accesso alla libera professione). E’ quella sottoscritta tra l’Università di Foggia e l’Ordine degli Avvocati e prevede - in estrema sintesi - l’ammissione anticipata al tirocinio da parte degli studenti del quinto anno del corso di laurea magistrale in Giurisprudenza. Nello specifico si tratta di un anticipo di sei mesi, un tempo sufficiente per consentire agli studenti interessati di capire se intendono proseguire nella professione forense o se intraprendere altre strade. Inoltre, l’Ordine degli Avvocati e il Dipartimento di Giurisprudenza, sono stati concordi nel prevedere l’anticipazione del tirocinio alla stregua di un istituto premiale per gli studenti più meritevoli, rendendo ancor più severi i requisiti per l’ammissione previsti dal D.M. 70/2016. L’Università di Foggia è tra le prime in Italia ad aver attivato questa convenzione, segno dell’attenzione che il Dipartimento di Giurisprudenza pone sui temi dell’occupazione post laurea e della formazione che deve essere assicurata agli studenti. “Siamo felici di essere riusciti a realizzare questa convenzione - argomenta il prof. Aldo Ligustro, direttore del Dipartimento di Giurisprudenza (che dall’1 novembre sarà diretto dalla prof.ssa Donatella Curtotti) - Ci pare un modo non solo per prestare attenzione alle esigenze dei nostri studenti, ma soprattutto per far valere la nostra vicinanza al mondo delle professioni e a quello delle carriere professionali”.
“Il semestre di pratica forense anticipata consentirà agli studenti di ridurre le tempistiche del percorso formativo, dando più spazio e attribuendo maggiore attenzione all’aspetto pratico della preparazione - commenta Marco Buccarella, componente del Senato accademico, membro dell’associazione Area Nuova che ha sostenuto la proposta di convenzione - Questo accordo è un primo passo destinato a colmare la distanza tra l’Università e il mondo del lavoro. Il fatto di essere tra i primi Atenei ad offrire questa opportunità ci rende orgogliosi, ma dobbiamo fare in modo che questi traguardi siano solo i primi di una serie di conquiste tese ad agevolare l’accesso degli studenti alle professioni che desiderano intraprendere”.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf