5 volte “Roxana”

5 volte “Roxana”

Quinta proroga ministeriale per i Progetti “Roxana” e “Aquilone” realizzati dalla Provincia di Foggia, in partenariato con quella di Avellino. Il Dipartimento per le Pari Opportunità - Presidenza del Consiglio dei Ministri ha comunicato che le azioni potranno continuare fino al 30 giugno 2016. “È una notizia che accogliamo con grande soddisfazione – spiega il presidente della Provincia di Foggia, Francesco Miglio - perché gli operatori dei due progetti potranno proseguire con le attività e garantire un percorso di assistenza e protezione alle persone vittime di tratta. Come in passato, saranno assicurati numerosi servizi, dall’inserimento socio-lavorativo alla formazione e all’orientamento e informazione, attraverso l’accoglienza in strutture presenti sul territorio dauno”. In sinergia con numerosi enti pubblici e del privato sociale, i progetti “Roxana” e “Aquilone”, attiveranno misure di sostegno e aiuto per i cittadini migranti sottoposti a riduzione o mantenimento in stato di soggezione, attuato mediante violenza, minacce, inganno, abuso di autorità o sfruttamento di una situazione di inferiorità fisica o psichica, di una situazione di necessità o mediante la promessa e la consegna di somme di denaro o altri vantaggi. “Un fenomeno in continuo aumento”, aggiunge Miglio. “Nella maggior parte dei casi, le vittime di tratta sono donne costrette alla prostituzione, ma sempre più spesso sono coinvolti anche minori e uomini, sotto il profilo dello sfruttamento lavorativo”. Grazie al progetto “Roxana”, concluso nel dicembre scorso, sono state accolte 11 persone con una età media di 30 anni (7 donne e 4 uomini), provenienti da Camerun, Kenia, Cina, Nigeria, Somalia, Ghana, Romania e Polonia, Bangladesh. Nel progetto “Aquilone” invece, sono state ospitate 7 persone con un’età media di 28 anni (5 donne e 2 uomini), provenienti da Bangladesh, Senegal, Marocco, Polonia, Bulgaria, Romania. Nell’ambito dei progetti saranno attivati programmi di formazione individualizzati per i beneficiari, legati alle competenze e alle possibilità concrete di inserimento socio-lavorativo sul territorio: attività di formazione pratica in impresa, accompagnamento, stage.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf