La bellezza del bruco

La bellezza del bruco

Dall’Inghilterra degli anni ’80 una storia d’amore ricca di fascino e metafore

Un libro poco italiano e molto inglese, sicuramente d’amore, raccontato in tutte le sue forme. È la “La bellezza del bruco” che non vuole diventare farfalla, è il viaggio iniziatico, anticonformista di una ragazza che non vuole perdere la sua identità.
Nato dalla grande conoscenza, personale e culturale che l’autrice Giovanna Irmici ha dell’Inghilterra, il romanzo, di recente pubblicazione e presentato in una Sala Rosa gremita del Palazzetto dell’Arte di Foggia, racconta la storia di una giovane donna con valori forti, grazie ai quali inizia un’avventura, un percorso di iniziazione che porterà la protagonista a maturare difficili scelte.
L’idea – spiega l’autrice - è nata circa un anno fa. Durante la sua elaborazione ho letto molto per documentarmi sui luoghi descritti. Per scrivere un romanzo, del resto, ritengo sia necessario approfondire, leggere, fare ‘carne e sangue’ degli autori amati. Inoltre, io ho trascorso del tempo in Inghilterra, ho vissuto dall’interno i luoghi in cui è ambientata la storia e ho avuto conoscenza diretta della società inglese”.
Le vicende si svolgono nell’arco di poco più di un anno tra Oxford, Londra e la Toscana della fine degli anni ‘80. Protagonisti sono Lorenza, giovane stagista di Pisa, senza quattrini e blasone, incapace di innamorarsi ma inconsapevolmente seducente, William, anziano geniale economista londinese, ricco e influente, George, nobile rampollo viziato in cerca di una figura materna, Eleanor, abile finanziera e perfetto esempio di aristocratica albagia.
Il romanzo è denso di metafore. Il bruco stesso è un simbolo: è l’antitesi dello stereotipo di Cenerentola, rifiuta bellezza e ricchezza se lo costringono a perdere la sua identità. Lo stile è accattivante anche se denso di riferimenti autoriali: si intrecciano diverse voci narranti a indagare da più punti di vista sentimenti ed emozioni.                              
a.r.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf