Parola d’ordine: prevenire

Parola d’ordine: prevenire

Oral Cancer Day. ANDI ed Expo 2015 contro il tumore della bocca
Visite odontoiatriche gratuite fino ad ottobre Una mini-guida per l’autoesame del cavo orale
A cura di Valentina La Riccia

Il tumore del cavo orale è una tra le neoplasie più diffuse e invalidanti. Diversi sono i fattori di rischio (molti dei quali evitabili) che possono aumentare la possibilità di insorgenza di tale patologia tra i quali l’alimentazione; infatti, proprio in occasione di Expo Milano 2015, l’ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) promuove visite odontoiatriche gratuite fino al giorno di chiusura dell’esposizione universale (31 ottobre 2015).

Sul sito www.oralcancerday.it troverete informazioni dettagliate e la lista degli studi odontoiatrici aderenti alla campagna di prevenzione in cui potrete richiedere una visita gratuita. Infatti, anche per il tumore del cavo orale, un ottimo strumento a nostra disposizione è la prevenzione: condurre uno stile di vita sano, che ci tiene al riparo anche da altre numerose patologie cronico-degenerative (non fumare, mangiare sano, non abusare di alcol, mantenere una corretta igiene orale, non esporsi eccessivamente ai raggi UV) ed effettuare controlli periodici.

È consigliato sottoporsi ad una visita odontoiatrica ogni sei mesi ed effettuare frequentemente l’autoesame del cavo orale poiché le possibilità terapeutiche sono migliori quanto prima si riesce a fare diagnosi. Per autoispezionare la vostra bocca vi servirà solo uno specchio ben illuminato: 1. Per prima cosa osservate le labbra esternamente; poi con entrambe le mani afferrate il labbro inferiore e stiratelo completamente verso il basso per poter osservare la mucosa delle labbra internamente; fate la stessa operazione tirando il labbro superiore verso l’alto. Osservate anche le gengive. Poi, tenendo sollevato con l’indice prima un labbro poi l’altro, passate il dito indice dell’altra mano sulle gengive per valutare se sono irregolari al tatto o se tendono a sanguinare. 2. Passate all’osservazione della mucosa interna della guancia sinistra: con l’indice della mano sinistra afferrate la mucosa interna del labbro superiore, con il pollice la cute esterna dello stesso labbro; con l’indice destro invece afferrate la mucosa interna del labbro inferiore, con il pollice la cute dello stesso labbro; poi stirate verso l’esterno la guancia per poter osservare la mucosa interna, tenendo la bocca ben aperta. Ripetete l’operazione dall’altra parte. 3. Tirate fuori la lingua e muovete la punta a destra e a sinistra per osservarne il dorso e i margini laterali. Tastatela. Poi portate la lingua verso il palato e con l’indice tastate il pavimento della bocca (cioè la mucosa su cui poggia la lingua). 4. Infine spostate il capo indietro e aprite la bocca il più possibile per osservare il palato. Le mucose normali sono rosee, uniformi, integre e lisce.

Se osservate rigonfiamenti, macchie (bianche o rosse), ulcere che non guariscono entro 15 giorni o se tastate zone indurite, anche se non avvertite fastidi o dolori, recatevi dall’odontoiatra che saprà certamente distinguere le lesioni sospette dalle condizioni normali e non preoccupanti.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf