L’ORA DEL  BRUNCH

L’ORA DEL BRUNCH

Ormai entrato nel linguaggio comune, il termine brunch è la sintesi di due parole inglesi breakfast, prima colazione, e lunch, pranzo. E infatti si tratta dell’abitudine, tipica dei giorni festivi, di unire i due momenti. Arrivata dai Paesi anglosassoni e adottata con successo anche in Italia,prevede un generoso assortimento di portate dolci e salate accompagnate da tè, caffè e salutari succhi di frutta, ma anche da calici di vino e cocktail alcolici.
Esistono poi tanti tipi di brunch: in quello classico non mancano grandi tazze di caffè americano, uova strapazzate, salsicce e cheesecake; ma con il passare del tempo, il brunch si è adattato alle abitudini degli italiani, poco portati per il salato appena scesi dal letto: ecco allora l’espresso, la crostata, i piccoli stuzzichini, la frutta fresca a dare un tocco forse più minimalista, ma certo più dolce, a un rito sempre di moda.

Ricette
Piccoli calzoni ricotta e pere
Ingredienti per 4 persone
Per la pasta brisèe: 250 g di farina 00, 100 g di latte fresco intero, 80 g di zucchero, 1 tazzina da caffè di acqua, un pizzico di sale.
Per il ripieno:  200 g di ricotta freschissima, 100 g di pere sciroppate, 100 g di zucchero.
Per accompagnare: un cestino di frutti di bosco.
Per la pasta, riunisci tutti gli ingredienti su una spianatoia e lavorali finché non otterrai un impasto ben amalgamato che farai riposare per 2 ore avvolto nella pellicola trasparente. Stendi la pasta con il mattarello in una sfoglia di 5 mm e forma dei dischetti con un bicchiere.
Per il ripieno, mescola la ricotta con lo zucchero e le pere. Farcisci i dischetti con il ripieno, chiudili premendo i bordi e friggili in abbondante olio di arachidi ben caldo, finché saranno dorati. Sgocciolali su carta per fritti e servili caldi con i frutti di bosco.
fantasia di brioche salate

Croissant sesamo e pistacchi
Ingredienti per 4 persone: 300 g di farina, 1 uovo, 50 g di olio extravergine di oliva, 10 g di lievito, 100 g di latte, 1 pizzico di sale, 1 cucchiaino di semi di sesamo,  1 cucchiaino di pistacchi sgusciati, 100 g di speck dell’Alto Adige.
Prepara l’impasto per i croissant: riunisci la farina con il lievito, il latte e il sale, amalgama con cura finché avrai un impasto omogeneo. Lascia lievitare per due ore, poi stendi la pasta in 4 rettangoli di 5 mm di spessore e arrotolali in modo da formare i crossant. Spennellali con l’uovo sbattuto, ricoprili con i semi di sesamo e i pistacchi tritati e infornali a 200° per circa 15 minuti. Farciscili poi con lo speck affettato sottile e servili tiepidi.

Paninetti rustici
Ingredienti per 4 persone: 8 paninetti al latte, 50 g di provolone, 50 g di salame di cinghiale.
Dividi a metà i paninetti e farciscili con sottili fettine di provolone e salumi, quindi passali velocemente in forno caldo a 180° per 5 minuti, per servirli tiepidi, ma non asciutti.

Connubio di dolci
Crostatine ai mirtilli
Ingredienti per 4 – 6 persone: 300 g di farina, 2 uova, 100 g di zucchero, 200 g di burro, 150 g circa di confettura di mirtilli, farina per la spianatoia, burro per stampini
Riunisci la farina con il burro morbido a pezzetti, mescola con cura,aggiungi le uova e lo zucchero e amalgama il tutto rapidamente. Forma una palla, avvolgila nella pellicola e falla riposare al fresco per circa due ore. Stendi la pasta su una spianatoia infarinata e forma 4/6 dischetti, che serviranno a foderare altrettanti stampini, già imburrati. Distribuisci all’interno la confettura di mirtilli, decora la superficie con i ritagli di pasta e cuoci in forno caldo a 180° per 15 minuti.

Torta al cioccolato di mandorle
Ingredienti per 4 -6 persone: 400 g di mandorle tritate, 200 g di cioccolato fondente, 200 g di zucchero, 210 g di burro, 4 uova, 2 cucchiai di cacao in polvere, 5 g di farina , zucchero a velo
Mescola lo zucchero con 210g di burro morbido a pezzetti, aggiungi le mandorle e incorpora le uova, il cacao, la farina e il cioccolato fuso a bagnomaria. Versa il composto in una tortiera imburrata e inforna a 180° per un’ora. Servi la torta spolverizzata di zucchero a velo.


Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf