Snack sano per tutti

Snack sano per tutti

Le mandorle, consumate tra un pasto e l’altro, sono un’ottima fonte di acidi grassi monoinsaturi, vitamine antiossidanti, proteine e fibra. Inoltre eliminano il senso di fame e non fanno aumentare il peso corporeo. Ad annunciare a tutti questa sana e gustosa notizia sono i colleghi della pagina “Salute” de La Stampa, mentre lo studio è stato pubblicato recentemente sul Journal of Clinical Nutrition che indica la dose di circa 45 grammi di mandorle tostate come un ottimo metodo per ridurre il senso di fame e aumentare il proprio stato di benessere. Infatti, la frutta secca in particolar modo le mandorle, oltre a contenere preziose vitamine, come la vitamina E ed acidi grassi monoinsaturi, offrono diversi benefici per la salute. La ricerca è stata motivata dal fatto che negli Stati Uniti, come in Italia, gli snacks sono diventati quasi una moda, con il 97% dei consumatori che ne mangia almeno uno al giorno.
Tutto ciò, unito probabilmente a un regime dietetico poco consono, ha portato a un elevato tasso di obesità unito a carenze nutrizionali.
Uno studio clinico randomizzato condotto dai ricercatori della Purdue University ha perciò scelto di analizzare gli effetti sulla salute e sul peso dei classici spuntini già pronti. Sono stati reclutati 137 partecipanti ad alto rischio diabete di tipo 2, poi suddivisi in cinque gruppi, e tutti i volontari, potevano seguire la loro dieta normale senza preoccuparsi dello stile di vita o dell’attività fisica. La valutazione è stata compiuta sia in merito al tipo di alimentazione seguita, sia analizzando a digiuno i livelli nell’organismo di vitamina E.
Dai risultati è emerso che, nonostante siano state assunte oltre 250 calorie in più attraverso le mandorle, non vi è stato alcun aumento di peso nelle successive quattro settimane.
“Questa ricerca suggerisce che le mandorle possono essere una buona opzione per la merenda, specialmente per le persone interessate al peso corporeo”, spiega Richard Mattes, professore di Scienze della Nutrizione presso la Purdue e ricercatore principale. “In questo modo l’assunzione giornaliera di energia non è aumentata e sono stati segnalati livelli di fame e desiderio di mangiare ai pasti successivi notevolmente ridotti, in particolare quando le mandorle sono state consumate come spuntino”.              Irma Mecca

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf