Riminiwellness un mondo di energia

Riminiwellness un mondo di energia

Da poco concluso, è l’appuntamento più atteso della riviera romagnola
Vipr beat, piloxing e aqua zumba: tutte le nuove tendenze in fatto di fitness

228.000 visitatori. 1.500 ore di lezione gratuite. 42 palchi sui quali si sono alternati 500 maestri, di varie discipline sportive, provenienti da tutto il mondo.  Questi sono solo alcuni dei numeri imponenti che hanno caratterizzato l’evento più atteso dagli amanti dello sport e non solo. Per il 2013 RiminiWellness si è aggiudicata il titolo di capitale mondiale degli affari nel settore del benessere e dell’attività fisica.
Fiore all’occhiello per questa ottava edizione sono state le ‘aree Wfun’, vere e proprie zone evento dove gli sponsor e gli espositori hanno fatto provare i macchinari di ultima generazione, e ai visitatori era permesso di partecipare gratuitamente a tutte le lezioni tenute da maestri qualificati.
Tra le novità per questo 2013 c’è il vipr beat, acronimo di vitalità, performance e reconditioning: un tubo di gomma vuoto disponibile in pesi diversi, che promette di rassodare, dimagrire e tonificare.
Per chi ama il ciclismo la chicca viene dalla RealRyder, il marchio leader nel settore dell’indoor cycling, che ha creato la ABF8. Questa nuova bike da interno è in grado di riprodurre in modo realistico la pedalata su strada, compreso il movimento in curva, consentendo un allenamento completo, reale, efficace e divertente.
Il jumping, invece, è per gli amanti dell’allenamento aerobico. Le persone che utilizzano regolarmente questo sistema dei salti sul trampolino, scoprono presto di essere capaci di lavorare più a lungo, dormire meglio e sentirsi più rilassate. Quest’esercizio, infatti, è direttamente collegato al sistema linfatico, cardiovascolare ed immunitario, con un inaspettato risvolto positivo anche a livello psicologico.
Un’area di 1.200 metri quadri è stata dedicata interamente al military fitness: arrampicata su parete artificiale, ponte tibetano, corsa zavorrata con lo zaino, flessioni, percorsi a passo di leopardo. L’obiettivo è quello di avvicinare in modo concreto i visitatori al mondo dell’Esercito italiano e, in particolare, alle truppe alpine. Il percorso, tarato sulle possibilità di tutti i visitatori di RiminiWellness, è stata una delle aree più visitate dell’intera manifestazione.
Grande richiamo di pubblico anche per il settore delle arti marziali, a cui è stato dedicato un intero padiglione, con tatami, ring e gabbie per mostrare e far provare agli appassionati ed amatori le nuove tecniche di allenamento. Boxe, kick boxing, karate e molte altre discipline hanno dato risalto ai loro campioni e alle nuove leve con tornei a livello nazionale. Dalla fusione della boxe con il pilates e la danza nasce piloxing: la disciplina che combina innovazione e tecniche di fitness per bruciare quante più calorie, rinforzare la muscolatura e migliorare la resistenza.
In primo piano anche gli sport acquatici, con piscine sparse sia all’interno che all’esterno dei quattro padiglioni della fiera, con lezioni che vanno dai classici corsi di acquagym, coreografati a ritmo di musica a corpo libero o con l’utilizzo di attrezzi giusti per un lavoro di respirazione e di forte tonificazione. Diverso è invece l’acqua pole che offre la possibilità di sfruttare le potenzialità esclusive di appoggio e sospensione fornite dall’acqua durante l’utilizzo della sbarra verticale come punto di riferimento. La gamma di esercizi è infinita, salti e movimenti divertenti, dinamici, unici e non paragonabili a nessun tipo di attività terrestre. Infine, grande novità di quest’anno, aqua zumba, la prima disciplina acquatica che ripropone in piscina le coreografie dello Zumba (l’attività che ha preso piede anche da noi e che unisce movimenti aerobici a passi di danza).
‘Vivere bene è meglio che vivere’, predicava Aristotele. Ovviamente non esiste una risposta universale, ma possiamo cercare di raggiungere un equilibrio tra benessere fisico e mentale, e RiminiWellness potrebbe essere un buon punto di partenza.
Simona Donatelli

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf