Chiome da sogno  grazie all’infoltimento

Chiome da sogno grazie all’infoltimento

Chiome da sogno grazie all’infoltimento
Un nuovo metodo testato per donare pienezza e volume ai capelli fini e diradati

Sorprendente. E’ il risultato sui capelli dell’innovativo metodo di infoltimento VOLUME+ di Hairdreams. Il problema dei capelli che si diradano interessa sempre più donne. Sottoporre i capelli a lavaggi troppo frequenti, a colorazioni e trattamenti chimiche, rappresenta uno stress non indifferente: i risultati sono capelli che diminuiscono e diventano sempre più fini. Si aggiungano fattori esterni come sole, sale, cloro e una perdita di forza ed elasticità dovuta all’avanzamento dell’età. Oggi, una soluzione veramente efficace e duratura, anche per problemi di capelli come alopecia o limitata calvizia, è offerta dal metodo ”Microlinea”, messo a punto da Hairdreams.

La tecnica, disponibile a Foggia presso AF Studio dell’hairstylist Filomena Avella, prevede l’uso di speciali fili ultrasottili, quasi invisibili, le cosiddette “Microlinee”, che vengono inserite nei capelli da infoltire, integrandosi invisibilmente nella capigliatura perché adattati al colore, alla struttura e alla lunghezza. Il risultato è una foltezza assolutamente naturale che praticamente non si distingue dalla naturale crescita del capello. Il sistema della Microlinea è fissato in modo permanente e può essere portato per diversi mesi.

I capelli aggiunti si portano come se fossero i propri anche in piscina, in sauna, senza alcun tipo di limitazione nelle normali situazioni di vita quotidiana. Esistono essenzialmente due pregiati livelli di qualità: “Hairdreams basic” che prevede l’utilizzo di capelli ricavati da capelli grezzi originariamente scuri che vengono schiariti delicatamente e adattati al colore desiderato; “Hairdreams special” prevede invece l’uso di capelli morbidi e setosi selezionati manualmente uno ad uno. Per conservare inalterata la naturale bellezza dei nuovi capelli, basterà prendersene cura con i prodotti “Hairdreams”.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf