Arte e scienza contro la discriminazione

Arte e scienza contro la discriminazione

Il calendario degli eventi promossi dalla consigliera di Parità della Provincia
L’avvocato Antonietta Colasanto: “Un fenomeno grave e che fa paura”

Da una parte la violenza di genere, dall’altra la discriminazione delle donne sui luoghi di lavoro. Per Antonietta Colasanto, consigliera di Parità per la provincia di Foggia, si tratta di due facce della stessa medaglia, quella da appuntare sulla casacca di una società affatto paritaria, ancora troppo carente in materia di educazione, parità ed opportunità di genere, in tutti i luoghi della società: dalla famiglia al mondo del lavoro.“Discriminazione e violenza, purtroppo, vanno di pari passo”, spiega la consigliera. “Non c’è violenza senza un presupposto di discriminazione. E questo è inaccettabile”. E considerare solo un aspetto di un fenomeno che ha, purtroppo, radici profonde e particolarmente infestanti, è un approccio miope, monco, incompleto.

Per questo, come ennesimo passo in avanti nel percorso finalizzato alla promozione e divulgazione delle azioni di contrasto alla violenza e alla discriminazione di genere, l’avvocatessa con alle spalle 20 anni di esperienza nel sociale ha organizzato una rassegna di eventi che caratterizzeranno l’ultima settimana del mese di novembre. Quattro eventi organizzati in rete con associazioni, professionisti, artisti e realtà del territorio che hanno, con entusiasmo, accettato l’invito della consigliera di Parità dando vita alla rassegna ‘Discriminazione e violenza, due facce della stessa medaglia’.

“Siamo faccia a faccia con un fenomeno che fa paura: per questo è necessario avviare percorsi di carattere culturale che siano duraturi e non estemporanei; che debbano contribuire - mediante esempi virtuosi, reali - a cambiare il paradigma di pensiero delle nuove generazioni e operare un cambiamento radicale nella società”. Quello varato dalla consigliera di Parità per la provincia di Foggia è un programma che procede dal generale al particolare: “Abbiamo pensato ad eventi in cui il messaggio fosse ‘immediato’ perché mediato dall’arte - gli scatti suggestivi della mostra fotografica ‘Gratia Plena’ di Anna Maria Salvatore e poi le pagine del romanzo ‘Via le mani dagli occhi’ di Francesco Gitto – per una incursione sensoriale nel tema a cui faranno seguito due seminari di studi, più tecnici e scientifici per approfondire e sviscerare meglio le problematiche in oggetto”.

La strada è segnata, il percorso è avviato. E Antonietta Colasanto cerca altri compagni di viaggio. “Purtroppo in Capitanata - e mi dispiace dirlo - riscontro ancora un atteggiamento fortemente individualista”. Ovvero, tante realtà impegnate nella stessa battaglia, sullo stesso fronte, ma spesso incapaci di mettersi fattivamente in rete e lavorare secondo comunione di intenti. I suoi obiettivi, infatti, sono e continueranno ad essere la promozione di iniziative e misure che possano tutelare le donne laddove ci siano segnali di discriminazione, azioni concrete per l’abbattimento di stereotipi e di tutti quegli ostacoli che possano creare loro difficoltà nella realizzazione della propria soggettività nell’ambito del lavoro in particolare (come il recente progetto “I have a dream”, a sostegno dell’imprenditoria femminile), e sociale in generale. “Insomma, nulla di più e nulla di meno di quello che ho fatto finora, in collaborazione con tutti gli organismi di parità. Mi auguro - conclude - che il Comune costituisca presto la Consulta, organismo fondamentale per partorire idee e progetti per il territorio”.

IL CALENDARIO
DEGLI EVENTI

MOSTRA FOTOGRAFICA
“Gratia Plena”,
di Anna Maria Salvatore
Dal 21 novembre,
Sala del Tribunale
Palazzo Dogana

Presentazione del romanzo
“Via le mani dagli occhi”
di Francesco Gitto
(Edizioni Bastogi)
24 novembre, ore 18.30
Palazzo Dogana

Seminario di studi:
“Mi Riconosci?”
In collaborazione con il centro anti-mobbing
25 Novembre, ore 14:30-17:30
Palazzo Dogana

Seminario di studi:
“Discriminazione sui luoghi di lavoro”
27 novembre, ore 17.00
Palazzo Dogana


Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf