Sotto la stella  di Apulia felix

Sotto la stella di Apulia felix

(Ri)nasce l’Auditorium Santa Chiara
Volpe: “Sarà una casa per la cultura”

Le aspettative sono state realizzate, gli auspici concretizzati, il cammino già tracciato. La buona stella sotto la quale (ri)nasce l’Auditorium Santa Chiara, a Foggia, grazie al prezioso lavoro di recupero e valorizzazione ad opera della Fondazione Apulia felix, segna una nuova strada, illumina il centro storico cittadino. A pochi giorni dall’inaugurazione del nuovo corso della struttura di via Arpi, chiesa chiusa al culto dal 1932, il cartellone “Cultura felix - Le arti in festa” ha offerto una settimana di iniziative culturali, tutte ad ingresso libero. Un piccolo assaggio del progetto – ben più ampio - da realizzare attorno all’Auditorium Santa Chiara. “Ovvero - spiega Giuliano Volpe, presidente della Fondazione - trasformare la struttura in un centro culturale polifunzionale e di produzione di eventi, catalizzatore e moltiplicatore di opportunità, risorse, energie e idee innovative”.

L’obiettivo della Fondazione - creata e sostenuta da un gruppo di privati, una sorta di imprenditori-mecenati - è quello di “dare nuovi impulsi alla crescita del territorio legando il futuro agli investimenti in formazione e cultura”, spiega ancora Volpe. “L’auspicio è che l’Auditorium possa diventare, in breve tempo, una nuova casa per la cultura nel cuore del centro storico cittadino con un’ampia offerta di eventi di altissimo spessore artistico”.
Un luogo, dunque, aperto: di incontro, di confronto e di elaborazione di idee e progetti per la Capitanata. “Desideriamo sperimentare una modalità nuova di gestione, che contribuisca a rendere l’Auditorium un luogo della progettualità diffusa, in grado di valorizzare e stimolare il ricco patrimonio umano e creativo del nostro territorio”.

Un progetto reso possibile grazie allo sforzo economico di imprenditori e aziende private, grazie all’Amministrazione comunale che ha concesso, con una convenzione ventennale, la gestione della struttura ad Apulia felix e grazie alla Diocesi di Foggia, proprietaria del monumento, che ne ha approvato la destinazione d’uso. A tenere a battesimo la nuova vita della struttura di via Arpi è stato il sottosegretario ai Beni e le Attività e Culturali, Ilaria Borletti Buitoni.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf