Come diventare un  venditore di successo?

Come diventare un venditore di successo?

Tutte le opportunità della vendita diretta.
Strategie di mercato e formazione, Vantaggiato: “Vi svelo gli errori che fanno saltare il contratto”

I fenici sono stati la prima potenza commerciale dell’antichità. Attraverso il commercio, l’uomo ha ampliato i suoi orizzonti e ha scoperto prodotti assenti nel suo paese d’origine.
Arricchimento personale, profitto e scambio, da sempre contraddistinguono l’attività commerciale: i diretti discendenti dei fenici sono coloro che ogni giorno si dedicano con passione al commercio, tra cui gli addetti alla vendita diretta. Alla base del successo, proprio come per ogni attività, c’è la formazione, così come conferma Annamaria Vantaggiato, da anni nel settore della vendita diretta :”Ogni azienda dovrebbe investire nella formazione dei suoi venditori – dichiara – perché solo precise tecniche di comunicazione accompagnate dalla capacità di argomentare il prodotto venduto, consentono di ottenere successo nella vendita e di conseguenza una crescita esponenziale che distribuisce ricchezza all’azienda e ai suoi lavoratori”.
La vendita diretta consiste in un servizio che viene offerto al potenziale cliente, il quale ha la possibilità di visionare preventivamente il prodotto comodamente a casa propria. A differenza degli acquisti online, il venditore dimostra le funzionalità del prodotto in un ambiente che predispone all’ascolto nonché ottimizza i tempi: in caso di disinteresse l’utente finale non dovrà perdere tempo con la restituzione. Inoltre, solo con la vendita diretta alcuni prodotti possono essere recepiti anche in località remote.
L’acquisto è consapevole grazie alla consulenza dell’addetto alla vendita: “Un venditore formato sa entrare in empatia con il cliente – continua Vantaggiato – individuando i suoi bisogni e suscitando l’interesse nei confronti di un prodotto che è la soluzione alle sue necessità del momento”. L’abilità nella vendita diretta si acquista grazie allo studio teorico seguito dalla pratica: in questo modo ogni venditore saprà applicare sul campo quelle che sono le strategie impartite dal venditore più esperto, il cui affiancamento risulta prezioso per la nuova recluta. “Solitamente la formazione dedicata ai venditori consiste nella conoscenza delle funzionalità e potenzialità del prodotto, nella programmazione degli appuntamenti e nella capacità di instaurare continuità con i clienti attraverso apposite strategie commerciali”.
Tra queste strategie rientrano la proposta di regali o di accessori che completano il prodotto venduto e che possono così ampliare la gamma di servizi offerti e stimolare l’interesse del cliente. “La formazione è importante anche per evitare quegli errori che fanno saltare la conclusione del contratto – suggerisce Vantaggiato – come un atteggiamento di chiusura, un’argomentazione poco convincente e il disinteresse verso i bisogni del cliente”.
Tuttavia la formazione ha un effetto positivo anche nei confronti della personalità del venditore, il quale è stimolato ad alzarsi ogni giorno per proporre un prodotto in cui crede. Attraverso un modo di porsi accattivante e piacevole, inoltre, potrà sicuramente migliorare tutte le sue relazioni.
L’attività formativa riveste un ruolo fondamentale per tutti coloro che vorrebbero avvicinarsi in modo professionale e proficuo al mondo della vendita diretta: le ex venditrici che hanno avuto esperienze deludenti con altre aziende, ma anche quelle donne desiderose di provare questa esperienza professionale, possono porre domande, suggerimenti e critiche costruttive scrivendo all’indirizzo email della dottoressa Vantaggiato: annamaria.vantaggiato@gmail.com.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf