Crisi: è strage delle imprese

Crisi: è strage delle imprese

La speranza di risollevarsi con la passata stagione dei saldi è risultata vana 
Molte le attività commerciali che in provincia di Foggia hanno chiuso a fine marzo

Oggi si parla di crisi come fino a cinque anni fa si faceva con il tempo. Non esistono più i“Salve, come sta? Visto che bella giornata?”. Nella realtà odierna c’è spazio solo per parlare di borse che scendono, disoccupazione che sale. E negozi che chiudono. E le imprese muoiono. Perché la nuova emorragia è quella che sta interessando le attività commerciali e produttive. Il rapporto “La crisi sociale del Mezzogiorno” curata dal Censis ha fotografato con accuratezza gli effetti della recessione in atto: tra il 2009 e il 2012 la Puglia ha perso oltre 2.000 aziende. Peggio ha fatto solo la Sardegna. Non se la passano meglio, poi, i negozi. La fuga dal commercio sembra essere diventata inarrestabile. Secondo il rapporto di Confesercenti Puglia, entro il 2013 spariranno oltre 1.000 imprese in tutta Puglia. Segno che la crisi dei consumi è ormai insopportabile. “In Capitanata - commenta i dati Franco Granata, direttore di Confesercenti Foggia -nel 2012 hanno cessato l’attività 4.749 aziende con un saldo negativo, tra nuove aperture e chiusure, di 272. Nel 2011 le aziende che hanno chiuso definitivamente i battenti erano state 4.799, con un saldo negativo di 281. Questo però non deve far pensare ad un miglioramento, seppur leggero, della situazione. Anzi. Stiamo attendendo l’elaborazione dei dati del primo trimestre del 2013 ma sappiamo per certo che moltissime imprese commerciali, che avevano intenzione di cessare l’attività il 31 dicembre scorso, hanno solo prolungato la sopravvivenza sino al termine della stagione dei saldi per recuperare quanto più possibile. Ad oggi sono aziende che non esistono più”. Partendo dall’analisi delle problematiche più impellenti, relative al calo dei consumi, all’inasprimento della pressione fiscale, alla sicurezza e legalità, la Confesercenti Foggia lancia le sue proposte anticrisi: l’istituzione presso i Comuni delle Consulte sulla legalità e degli sportelli anti usura e anti racket; la costituzione dei distretti urbani del commercio; la raccolta delle firme per restituire alle Regioni la regolamentazione delle aperture degli esercizi commerciali nei giorni festivi e le domeniche, un intervento per risolvere l’annoso problema del credito non concesso nella nostra provincia dalle banche presenti sul territorio. In merito ai distretti urbani del commercio, in particolare, la Confesercenti ribadisce la necessità che, in coerenza con gli orientamenti comunitari e regionali, vengano definiti dei progetti integrati finalizzati a favorire la diffusione su scala urbana di soluzioni innovative che utilizzino tecnologie, applicazioni, modelli di innovazione, integrazione e inclusione, finalizzati ad elevare le opportunità di crescita e di sviluppo inclusivo a favore di imprese e cittadini. Sistemi urbani, in pratica, maggiormente orientati a sostenere la creazione e lo sviluppo d’impresa, capaci di mettere al servizio della città nuove tecnologie, nuove metodologie progettuali e nuovi modelli di business in grado di assicurare alle imprese e ai cittadini una migliore qualità e sostenibilità dei centri urbani. L’obiettivo è quello di promuovere lo sviluppo territoriale sostenibile, in modo da rafforzare le reti di Comuni nell’ambito di una strategia condivisa per la valorizzazione del territorio, per migliorare l’accessibilità, i collegamenti e l’attrattività dei sistemi territoriali, fornendo così le basi per maggiore competitività, sviluppo imprenditoriale, crescita economica e creazione di nuova occupazione. a.r.


Benessere psicologico Il 7 maggio il seminario del M.I.P.

“La conoscenza sui fenomeni psicologici permette di correggere false credenze, atteggiamenti sbagliati ed errate interpretazioni degli eventi, con un immediato vantaggio personale”. È il principio che guida Psycommunity, la comunità degli Psicologi on line che ha organizzato il MIP, ossia “Maggio di informazione Psicologica”. Con il MIP tutti sono invitati a partecipare gratuitamente ai seminari sulla psicologia e richiedere un colloquio psicologico gratuito con uno Psicologo aderente MIP. Lo spirito dell’iniziativa è quello di sensibilizzare la cittadinanza ad affidarsi allo psicologo non solo quando crede di averne bisogno, ma anche per prevenire la salute mentale, così come si fa prevenzione per altri tipi di problematiche fisiche. A Foggia il seminario per il benessere psicologico si terrà il prossimo 7 maggio alle ore 16, 30 presso la Fondazione Opera Pia Scillitani. Qui ci sarà la possibilità di avere un primo colloquio gratuito presso gli studi che verranno indicati nel corso della manifestazione. Per info: www.psicologimip.it - 320.1404201

 

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf