‘Vogliamo anche le rose’, il cinema delle donne

‘Vogliamo anche le rose’, il cinema delle donne

Al via, a Foggia, la prima edizione del Festival del Cinema di Genere. Tra gli sponsor, il mensile ‘6Donna’
L’evento promosso dalla Consigliera di Parità della Provincia di Foggia con Cinemafelix

Al centro del cartellone, vi è una data emblematica: il 25 novembre, Giornata Mondiale del contrasto alla violenza di genere. E’ la data-simbolo che tiene insieme, e dà forza e sostanza, alla prima edizione del Festival del Cinema di Genere ‘Vogliamo anche le rose’ promosso dalla Consigliera di Parità della Provincia di Foggia, Antonietta Colasanto, in collaborazione con Cinemafelix.
“Dopo anni di percorsi di sensibilizzazione effettuati in maniera tradizionale, quest’anno abbiamo pensato di avvicinarci alle donne, agli uomini ed alle giovani generazioni utilizzando lo strumento audiovisivo, capace di arrivare oltre alla loro mente, soprattutto al cuore”, spiega Antonietta Colasanto. “Ad ogni film seguirà il momento del dibattito con la partecipazione di ospiti che discuteranno insieme al pubblico il contenuto del lavoro, per stimolare il dialogo che si spera abbia la caratteristica della confidenzialità”.
“L’obiettivo è quello di utilizzare il cinema come potente strumento pedagogico”, spiega Tommaso Campagna, responsabile della programmazione cinematografica di Cinemafelix, “diretto a quelle categorie che hanno maggiore bisogno di una formazione al fine di modificare alcuni comportamenti che possono poi condurre ad episodi criminosi”. Non è un caso che l’organizzazione abbia rivolto un invito mirato alle Scuole di Area Vasta chiedendo ai dirigenti scolastici di sollecitare la partecipazione degli studenti delle scuole secondarie superiori alle proiezioni.
A sostegno della prima edizione del Festival del Cinema di Genere, un nutrito stuolo di partner, tutte realtà impegnate sul versante della lotta alla violenza di genere: l’Assessorato alla Cultura del Comune di Foggia, Fondazione Apulia Felix, Magna Capitana, Club Unesco Foggia, Fidapa Capitanata, Adecoc, Advisal, Consulta Pari Opportunità del Comune di Foggia, Confartigianato Impresa Donna, Comitato Pari Opportunità del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Foggia ed il mensile di genere 6Donna.               Maria Grazia Frisaldi

IL PROGRAMMA
Ad aprire il Festival del Cinema di Genere di Foggia è stata, lo scorso 8 e 9 novembre, la proiezione del film “Bellissime”, di Giovanna Gagliardo. La programmazione proseguirà con la visione, martedì 15, di “Riso amaro”, di Giuseppe De Santis, primo film di una certa notorietà internazionale in cui si mette in rilevo la condizione di sfruttamento lavorativo delle mondine nelle risaie del vercellese, mentre mercoledì 16 sarà la volta della pellicola che dà il nome all’intera rassegna: “Vogliamo anche le rose”, di Alina Marazzi. Martedì 29, “Mobbing - mi piace lavorare”, di Francesca Comencini per esaminare lo sfruttamento di genere nel lavoro impiegatizio e mercoledì 30, “Triangle”, uno degli ultimi lavori della regista Costanza Quatriglio, un film, di forte impatto emotivo e documentaristico. Come già evidenziato, tutto il calendario ruota attorno alla data del 25 novembre, Giornata Mondiale del contrasto alla violenza di genere, durante la quale è previsto un matinée per le scuole, con la proiezione del film “La vita possibile” di Ivano De Matteo.
Tutti gli spettacoli si terranno nel corso del mese di novembre, nell’Auditorium di Santa Chiara, alle ore 20,30 con accesso libero e gratuito.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf