La città è femminile plurale

La città è femminile plurale

commenta

“Premio 6Donna”, il Teatro Giordano sarà il tempio dei talenti delle donne

Al lavoro per la seconda edizione del premio che omaggia le “eroine di ogni giorno”


Leggiamo storie, immaginario visi, impariamo a conoscere cuore, tempra e coraggio delle donne foggiane. Un mix esplosivo che si traduce in impegno sociale, cura e attenzione verso il prossimo, amore per la propria città. Insomma, tutto ciò che oggi si tende a considerare di default o, peggio ancora, a sottovalutare. La redazione di 6Donna, invece, va in controtendenza, e in una società che sembra interessata solo all’eccezione che conferma la regola, vuole tornare alle radici della norma celebrando una normalità che sa essere straordinaria, se a vantaggio di tutti. Insomma, vogliamo “grattare” via le copertine patinate, per arrivare a chi ogni giorno opera in silenzio - senza nulla a pretendere - per migliorare la città in cui viviamo.

CITTADINANZA ATTIVA | L’unico free-magazine della Puglia, accoglie con entusiasmo le candidature che giungono in redazione per la seconda edizione del Premio 6Donna, che intende omaggiare le “eroine” di ogni giorno, ovvero quelle donne sulle cui gambe cammina la città, e sulle cui spalle poggia il peso della quotidianità. Ma sempre con il sorriso sulle labbra e il cuore leggero. Leggendo le vostre segnalazioni, 6Donna spia dal buco della serratura di uffici, aziende, istituti scolastici, ospedali e associazioni di volontariato, un punto di vista privilegiato per scoprire esempi di cittadinanza attiva e consapevole, tante storie da raccontare, e altrettante donne incredibili pronte a scriverle giorno dopo giorno.

IL NOSTRO 8 MARZO  | Galvanizzate dall’inaspettato successo della prima edizione del “Premio 6Donna”, siamo pronte a rimetterci in gioco. Noi con voi, per raccontare il lato bello, generoso e operoso di una Foggia tutta da scoprire e valorizzare. Come da tradizione, il premio sarà assegnato, a Foggia,  il prossimo 8 marzo - data simbolo della Giornata Internazionale della Donna - nell’ambito di una serata di riflessione, interventi e performance al femminile. Ad ospitare i talenti delle donne che con la loro arte arricchiranno la serata, sarà il palco più prestigioso della città: quello del Teatro Giordano, che per una sera sarà il tempio dell’impegno al femminile. L’entusiasmo è coinvolgente, e stiamo portando dentro la nostra idea attrici, musiciste, artiste e performer foggiane che sapranno raccontare, ognuna secondo il proprio linguaggio artistico, Foggia come città femminile plurale.

LE CANDIDATURE | Cominciate a spremere le meningi, a passare in rassegna tutti i nomi, i volti e le storie delle donne che rispondono al nostro identikit e scrivete alla nostra redazione. I requisiti per la nostra eroina di ogni giorno sono sempre gli stessi: la redazione di 6Donna vuole premiare una perfetta sconosciuta, una donna che si distingue per le sue capacità, che fornisce alla comunità un contributo prezioso, che con altruismo si dedica al prossimo, ogni giorno, senza cercare vetrine o riconoscimenti di sorta. La nostra candidata ideale non deve ricoprire (o aver ricoperto in passato) alcun incarico dirigenziale o ruolo di prestigio. E deve essere foggiana, o comunque contribuire alla crescita della nostra città. Chiunque, un collega, il capo, un amico, un nostro lettore, può inviare la candidatura di una donna speciale, con tutti i riferimenti utili per rintracciarla e la motivazione. Anche quest’anno, la nostra redazione vaglierà le proposte, verificherà di persona le indicazioni pervenute, intervistando chi è a stretto contatto con la candidata ed effettuando eventuali sopralluoghi. La ricerca è partita: forsennata, certo; forse dissennata, ma sicuramente appassionata.
La redazione è tutta un fermento: presentateci altre donne straordinarie, Foggia ne ha bisogno.

Commenti

Maria Tibollo ha scritto:
Feb. 16, 2016

Il mio voto va ad Antonella Salerno, donna all'avanguardia che riesce a coniugare la maestria della danza con lo studio e l'intervento su patologie importanti, restando fortemente collegata al campo scientifico. Con semplicità, grazia e rigore guida gli allievi all'acquisizione della tecnica del ballo e all'amore per la disciplina. Una donna che si distingue per potenzialità passione.

Antonio Nunziante ha scritto:
Feb. 17, 2016

Buongiorno, Vorrei presentarVi, una Persona a me molto vicina (mia Moglie) Rosaria Prencipe nata a Foggia il 26/05/1964, Laureata in Scienze Motorie, docente di sostegno presso la scuola media Bovio, mamma di tre splendidi Figli Alessandro 25 anni, Gabriele 20 anni e Marianna 18 anni, i primi due vivono a Londra Alessandro laureato alla Metropolitan University in Business and Management lavora alla Barclays Bank, Gabriele studia presso la Metropolitan University Business and Management, Marianna sta conseguendo la maturità al Liceo "Poerio" di Foggia. Perchè Rosaria, Rosaria fino al 2007 era una casalinga e una normalissima Insegnante di Sostegno, si dedicava come tutte le donne alla famiglia e al suo lavoro poi i gernitori Anziani, il tempo dedicato ai propri genitori, fino alla loro dipartita, sembrava ormai finito il periodo nero, ma nel 2011 un macigno si abbatteva su Rosaria un ricovero d'urgenza agli OO.RR. di Foggia un intervento asportazione di un ovaio, sembrava tutto finito, ma do circa 45 gg. i risultati dell'esame istologico (pensate un esame che doveva arrivare al massimo in 48 ore) “tumore della granulosa”. Inizio del Calvario, risultato della consulenza a Foggia oramai non era più possibile intervenire, , Roma poi Milano inizia la corsa contro il Tempo. A questo punto in famiglia con i ragazzi ancora adolescenti, il pensiero va al futuro e l’unica certezza è quella di lottare. Idea coinvolgo Rosaria, Lei appassionata di Cultura, nella realizzazione di un sogno creare un’associazione che faccia cultura a 360°, in questa città nel periodo della Chiusura del Teatro Umberto Giordano, Teatro, Musica arte ecc. , così durante i viaggi verso lo IEO di Milano si pianifica il tutto, mettendo da parte i brutti pensieri, e dopo due interventi chirurgici chemioterapie e non ultimo gennaio 2016 ancora recidiva e altre terapie dal 2011 ad oggi Rosaria con un grosso macigno che costantemente grava sulla sua testa è riuscita combattendo questa battaglia non ancora vinta, a impegnarsi nel Sociale con la creazione del CONARTEATRO, Come Presidente e Direttore Artistico (con circa duemila soci) realizzando manifestazioni Teatrali, spettacoli di beneficienza, raccolta fondi per service in collaborazione con i Lions , ecc (www.conarteatro.it), trasformando una sala convegni del Villaggio Artigiani, in un Contenitore Culturale di alto Livello in un quartiere di Foggia abbandonato fin dalla su nascita e dove nel fine settimana diventa terra di nessuno, questo per chi la conosce, sempre nascondendo il grosso problema, e solo noi che siamo vicini e chi la conosce bene sa il livello massimo della sua Forza che è volontà di Vita sia per lei ma soprattutto per la famiglia e la comunità che la circonda. Questo è solo una piccola parte della storia di Rosaria Prencipe che come dite Voi e un mix esplosivo che si traduce in impegno sociale, cura e attenzione verso il prossimo, amore per la propria città. Se la ritenete una eventuale Candidata al Premio 6Donna sono a disposizione per approfondire tutto l’impegno che Rosaria mette per il Sociale per l’intera Città. Grazie per l’attenzione Cordiali Saluti Il Marito Antonio Nunziante 3388875193

marsy lop ha scritto:
Feb. 20, 2016

Io vorrei proporre come donna dell'anno l'ostetrica Amalia de Paola che lavora presso il consultorio di via Grecia a Foggia. Grazie a lei il consultorio è frequentatissimo dalle donne. Lei entra in empatia con tutte le donne con cui viene in contatto. E' generosa, ascolta, dà i consigli giusti, ha sempre una parola di conforto, è sempre disponibile, si spende molto per gli altri e quando è necessario va a trovare anche le donne a casa, anche al di là dell'orario di lavoro. E' una persona speciale, come davvero ne ho conosciute poche!!!

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf