“Premio 6Donna”, torna la festa dell’impegno

“Premio 6Donna”, torna la festa dell’impegno

Al via la seconda edizione dell’iniziativa che omaggia le ‘eroine di ogni giorno’
Il nostro appello per voi: presentateci altre donne straordinarie. Foggia ne ha bisogno

Non c’è bisogno di tanti giri parole, né di un pretesto per parlarne. Anzi, lo ammettiamo apertamente, senza temere di essere smentite o di essere tacciate di presunzione: la prima edizione del “Premio 6Donna” è stato un piccolo-grande successo, un punto d’orgoglio per il nostro free press di genere.

La città ha sposato con 35 nomi diversi (tante sono state le candidature ricevute) la nostra pazza idea - omaggiare la normalità, quando sa essere straordinaria per la collettività -, e noi crediamo così tanto al progetto da metterci nuovamente a lavoro per la seconda edizione di quello che vorremmo diventasse un appuntamento fisso per festeggiare le protagoniste della nostra città.

Pur consapevoli di quanto sia difficile “bissare” un successo sperato ma inaspettato, andiamo avanti spinte solo dalla voglia di fare nuovamente “capolino” in una dimensione diversa della città - quella che tante volte raccontiamo sulle pagine di questo giornale, ma lo spazio non ci sembra mai abbastanza - alla scoperta della Foggia concreta, generosa ed operosa che schiva i riflettori e non fa nulla per mettersi in evidenza. Pur lavorando sodo. Allora cominciate a spremere le meningi, a passare in rassegna tutti i nomi, i volti e le storie delle donne che rispondono al nostro identikit e scrivete alla nostra redazione.


I requisiti per la nostra eroina di ogni giorno sono sempre gli stessi
: la redazione di 6Donna vuole premiare una perfetta sconosciuta, un’eroina dei nostri giorni che si distingue per le sue capacità, che fornisce alla comunità un contributo prezioso, che con altruismo si dedica al prossimo, ogni giorno, senza cercare vetrine, copertine o riconoscimenti di sorta.
La nostra candidata ideale non deve ricoprire (o aver ricoperto in passato) alcun incarico dirigenziale o ruolo di prestigio.
E deve essere foggiana, o comunque contribuire alla crescita della città di Foggia. Chiunque, un collega, il capo, un amico, un nostro lettore, può inviare la candidatura di una donna speciale, con tutti i riferimenti utili per rintracciarla e la motivazione. Anche quest’anno, la nostra redazione vaglierà le proposte, verificherà di persona le indicazioni pervenute, intervistando chi è a stretto contatto con la candidata ed effettuando eventuali sopralluoghi.

Il premio sarà assegnato, a Foggia, il prossimo 8 marzo - Giornata Internazionale della Donna - nell’ambito di una serata di riflessione, interventi e performance al femminile. Abbiamo avviato il ‘cantiere’, la redazione è tutta un fermento: stiamo delineando il tema che dominerà questa seconda edizione, così come le performance artistiche che arricchiranno la serata-evento e siamo alla ricerca della cornice ideale per ospitare la bellezza dell’impegno.
Allora tutti a lavoro, presentateci altre donne straordinarie: Foggia ne ha bisogno.

LE NOSTRE PRIME EROINE
 Tra le candidature giunte per la prima edizione del “Premio 6Ddonna”, a conquistare la redazione del nostro free-magazine è stata la maestra Marianna Balducci, un mix inedito di entusiasmo, impegno e senso del dovere.
Ma un solo premio non poteva soddisfare il comitato di redazione, letteralmente rapito dalle storie giunte in redazione, quelle di tante donne coraggiose, oneste e motivazioni dietro le candidature pervenute.
Così altri due nomi si sono aggiunti nel palmares delle premiate, grazie a due menzioni speciali istituite: “Piccola Donna”, consegnata a Sara Francavilla, 11 anni e una sensibilità rara e preziosa, e “Premio Produttività”, consegnato ad Anna Virgilio, barista impiegata presso il bar dell’Assori, a Foggia.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf