Rinnovare il soggiorno in 3 semplici mosse

‘Giocare’ con prospettive e punti focali per dare carattere all’ambiente
Idee economiche e di facile realizzazione per cambiare la ‘zona relax e convivialità’
di Simona Campanella - Architetto

Indipendentemente da quanto amore e dalla cura che mettete nel progettare la vostra casa, trascorsi un paio di anni, anche le camere più belle cominceranno a sembrare un po’ noiose e stantie. Tale questione può soprattutto influenzare il modo in cui percepite il soggiorno, perché è probabile che sia la stanza della casa maggiormente vissuta: se la vostra famiglia è abituata a trascorrere tempo in relax guardando la TV in soggiorno, o intrattenere gli ospiti, non si può negare che questo ambiente risulti parecchio sfruttato! Dopo un po’ di tempo, quindi, inizierà ad avere bisogno di una “rinfrescatina”. Ma non preoccupatevi, questa operazione non deve essere necessariamente costosa: basta poco, infatti, per ridisegnare il vostro soggiorno. Ecco alcune idee a buon mercato che si possono integrare facilmente per un design moderno degli ambienti.

1) La nuova filosofia dello spazio

Fermatevi un minuto e prendete un respiro profondo. Fingete di vedere il soggiorno per la prima volta, e concentratevi sulla ricerca di un nuovo punto di riferimento. Se in principio la zona conversazione era vicino al camino, per esempio, potrete scegliere una fila di finestre per una nuova disposizione dei complementi. Si potrebbe anche creare una parete di foto come nuovo punto di riferimento. E se il televisore normalmente domina la stanza, è possibile nasconderlo molto abilmente tra tele, quadri e cornici. Infine, è possibile scegliere di utilizzare un elemento di grande dimensione, o diverso da tutti gli altri mobili, come nuovo punto focale, come ad esempio una doppia libreria o un armadio per i vostri rinnovati soggiorni di design.

2) Il prossimo passo
per i vostri progetti
di salotto moderno e di design è quello di prendere i restanti mobili.
Questo significa operare su tutti gli elementi che non rientrano nella disposizione dei posti a sedere principali che avete appena creato. Provate a mettere un grosso elemento di arredo - ad esempio una scrivania o una consolle - sul lato opposto della stanza rispetto al vostro nuovo punto focale: questo creerà un grande senso di equilibrio. Non è necessario utilizzare tutti i mobili rimasti o a disposizione. Soprattutto vige la regola del fermarsi quando la stanza vi sembrerà completa e funzionale.

3) Il concetto della ‘zona conversazione’
Godetevi il sublime momento di organizzare la vostra zona conversazione attorno al nuovo punto focale. Iniziate dando maggior tono alla seduta principale, probabilmente il divano.
Poi, sistemate sedie e pouf colorati intorno al divano, assicurandovi che siano abbastanza vicini per creare un senso di intimità con il divano che funge “da ancoraggio”.
Mettete tavoli da cocktail o tavolini bassi, tra il divano e sedie per una perfetta zona accoglienza e conversazione.

Accessori, il tocco in più: scovare un’opera d’arte per impreziosire l’atmosfera e pensare a quali lampade eventualmente aggiungere, compresi anche altri accessori.
 Esaminare con attenzione ogni articolo e spostare gli elementi che si decide di non posizionare nuovamente in salotto. Ma attenzione a non metterli automaticamente in cantina: la contestualizzazione di un elemento di arredo in altri luoghi della casa, infatti, può realmente stravolgere la concezione stessa del mobile o complemento d’arredo e ‘rinfrescare’ l’ambiente senza sopportare alcuna spesa.



Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf