Un angolo lounge in casa: il relax è servito

Un angolo lounge in casa: il relax è servito

Dettagli di stile: una mini-guida agli arredi, illuminazione e colori giusti da scegliere
Dal minimal nordico ai salotti dal sapore etno chic:deve ispirare aria di libertà senza rigidità funzionali
di Simonetta Campanella - Architetto

Il soggiorno, così come viene pensato nella concezione estetica e funzionale odierna, probabilmente è l’ambiente più duttile e strategico della casa. Funge da bigliettino da visita all’appartamento, oltre ad essere uno spazio di vitale importanza per chi ha bisogno di concedersi un momento di relax con la famiglia o con gli amici. Certamente il soggiorno a cui pensiamo oggigiorno è concettualmente uno spazio multifunzionale, attrezzato per diverse attività, che si tratti di leggere o di vedere la tv, di intrattenere gli amici e riposarsi. Fondamentalmente è il perno della casa.
Diverso dall’idea classica di “camera da pranzo-salotto”, concepita unicamente come divani e tavolo da occasione, il soggiorno lounge principalmente evoca sensazioni di relax anche solo a guardarlo. Ma non necessariamente implica il convivio e il cibo. Deve ispirare aria di libertà senza rigidità funzionali.
Proprio per questo, gli arredi e la loro disposizione devono esser scelti sapientemente per invitare in modo selettivo o favorire al meglio un’attività piuttosto che un’altra.
Se per esempio amiamo la concezione di relax con musica e lettura, la combinazione su cui ruoterà tutta la nostra idea di soggiorno riguarderà la parete attrezzata e divano, con attenzione speciale al progetto della luce e all’ergonomia della seduta. Infatti, sembrerà banale dirlo, ma il divano dovrà essere comodo, molto comodo, oltre a prevedere un’illuminazione dedicata alla lettura, soft ma efficace. Se fino ai primi duemila è andato in voga il pouf perché flessibile, in grado cioè di farci stendere le gambe o di fungere anche da tavolino di appoggio, oggi invece l’ispirazione riporta all’utilizzo della chaise longue, perché più elegante, ma soprattutto più stabile.
Al centro dell’idea di un angolo della casa per intrattenersi in relax non può mancare il camino, in tutte le declinazioni contemporanee o più tradizionali, oggetto di culto del soggiorno lounge. L’arredamento in questo caso si svilupperà intorno a questo perno centrale, magari disponendo poltrone, pouf e divani lungo le pareti e lasciando libero lo spazio centrale per un elemento di appoggio (un tavolo basso) che rende il tutto più conviviale e aperto alla socialità. Lo stile del tavolino può aiutare la caratterizzazione dell’intero spazio: elementi moderni e dalle geometrie elementari dei divani o di mensole e madie, abbinati alle gambe e a profili modanati del tavolino, possono rendere più prezioso e fusion il nostro spazio.
In un soggiorno lounge è importante lavorare su colori molto rilassanti, quelli naturali principalmente. Il divano, per esempio, è da preferire in una tonalità neutra come il grigio tortora, il bianco o il nocciola o il marrone, e meglio a tinta unita. Qualche foulard animalier o un tappeto damascato farà il resto. Le tonalità pastello, che sono un vero e proprio trend ultimamente, invece, vanno adoperate con parsimonia: un loro impiego eccessivo e su grandi superfici può indurre una sensazione di freddezza.
Attenzione assoluta va all’illuminazione che deve essere diffusa e tenue, anche moltiplicata in vari punti luce che rinforzano lo stile dello spazio: candelabri decorati con pendenti in cristallo riflettenti, o abat-jour traforati da cui piove luce a macchia di colore, candele sparse a varie quote e lanterne che rendono magico e rilassante l’ambiente. Infine, ma non per importanza, vanno scelti sapientemente gli elementi tessili a completamento della progettazione: tappeti disposti nello spazio centrale, con cuscini dalle texture e dai colori preziosi, copri-divano caldi come coperte e tendaggi a più pannelli leggeri e trasparenti. E questo angolo è diventato in assoluto una vera gioia per i sensi.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf