Tra benessere e armonia: cos’è il Feng Shui?

Tra benessere e armonia: cos’è il Feng Shui?

Un’arte orientale che supporta l’architettura nella progettazione degli spazi
Come imparare e gestire l’energia e trasformare la propria casa in 5 mosse
di Nicoletta Ingelido - Architetto

Armonia, equilibrio, ambiente, natura, energia: tutto questo è il Feng Shui.
L’antica arte orientale del vivere in armonia con l’ambiente circostante è approdata ormai da tempo in occidente e si propone di supportare l’architettura tradizionale nella progettazione delle abitazioni, utilizzando una serie di criteri che consentono di riconoscere le energie positive e quelle negative.

Ma come fare per trasformare o conferire armonia e benessere alle nostre abitazioni con il Feng Shui?
Per noi accidentali l’approccio al Fengh Shui non è facile: bisogna confrontarsi con il pensiero orientale, nel quale le “energie” e la “forza vitale” hanno una funzione predominante, e il principio cardine su cui si basa è l’energia (QI) che circola nell’Universo e collega gli esseri animati e inanimati. I due termini - Feng e Shui - significano rispettivamente “Vento” e “Acqua”: questi due elementi della natura ci ricordano che tutto ciò che ci circonda è un flusso di energia in continuo, così gli ambienti vengono organizzati in modo tale che l’energia positiva possa circolare liberamente senza ostacoli. Da qui nasce il senso di benessere e armonia. I principi del Feng Shui tengono conto della presenza di campi magnetici ed energetici nella disposizione degli arredamenti e ogni scelta è volta alla creazione di ambienti accoglienti che sappiano promuovere il benessere di chi li abita. Ecco alcuni consigli utili per avvicinarsi a quest’arte di arredare.

L’ordine
Prima di occuparsi di spostare il divano o lo specchio, è bene mettersi all’opera per liberarsi del superfluo.
L’accumulo di oggetti inutilizzati o in disordine, secondo il Feng Shui, impedisce il fluire delle energie positive e può creare delle situazioni di stasi in grado di influire negativamente sul benessere della vita domestica.

Luci e colori
Durante il giorno bisogna permettere di far entrare in casa più luce naturale possibile, lasciando tapparelle, tende e finestre aperte. Per quanto riguarda il colore in salotto il rosso o l’arancione facilitano la conversazione in famiglia o tra gli amici. Il blu e il verde nelle camere da letto favoriscono il relax e il sonno ristoratore, mentre il rosa stimola il romanticismo e la passione. Il giallo, in cucina, stimola l’appetito e dona energia fin dal momento della colazione.

Divano e letto

La disposizione dei mobili è uno dei principi chiave del Feng Shui. In salotto il divano deve essere posizionato in modo tale che si trovi rivolto verso la porta d’entrata. Deve inoltre essere collocato con lo schienale vicino alla parete, per dare un senso di protezione a chi vi si siederà. Il letto, per creare una situazione di maggiore relax e quiete, deve essere posizionato in modo che non si trovi direttamente di fronte alla porta.

Specchi
Gli specchi possono ostacolare o accelerare il fluire delle energie. Secondo il Feng Shui non dovrebbero essere collocati specchi visibili in camera da letto. La presenza di uno specchio vicino al proprio letto potrebbe ostacolare il sonno.

Materiali
Per l’arredamento della casa il Feng Shui suggerisce la scelta di materiali il più possibile naturali, come legno, pietra e metallo. Favorire la presenza di piante e fiori freschi, oltre alla presenza dell’elemento “acqua” sottoforma di fontane da interni e acquari. I pavimenti e i serramenti in legno permettono di ottenere una continuità, almeno dal punto di vista visivo, tra gli ambienti naturali esterni e l’interno della casa.

Lascia un commento

n. 10 / Dicembre 2017

Scarica la tua copia in pdf